Secondo ‘Il Giornale’ dopo Letta c’è il governo Saccomanni

Pubblicato il 30 Settembre 2013 alle 14:29 Autore: Fabrizio Neironi
Imu, incontro tra Anci e Governo

Il Giornale: “Se Letta fallisce c’è Saccomanni”

Diciamoci la verità, nessuno si sarebbe mai aspettato che Forza Italia potesse implodere prima ancora di rinascere. Anche perché, in tutto il mese di settembre, le dichiarazioni rilasciate da noti esponenti della reincarnazione berlusconiana e di governo parevano figurare la fine delle larghe intese balneari.

Il Pdl è ormai un partito allo sbaraglio, in bilico tra la soppressione e il mantenimento. Ma, in realtà, quell’acronimo che non ha mai convinto il suo fondatore-demiurgo potrebbe evitare l’implosione del fronte di centrodestra e far risparmiare una colossale figuraccia al suo leader.

Secondo alcune indiscrezioni dell’ultima ora – perlopiù raccolte dai quotidiani di area – Alfano e Berlusconi potrebbero accordarsi per lo spacchettamento del centrodestra in due movimenti distinti, cioè Forza Italia e Popolo della Libertà: il primo manterrebbe una linea intransigente nei confronti della Große Koalition, mentre il secondo raccoglierebbe quei “moderati” inclini ad accordarsi con i nemici storici del centrosinistra.

Per il momento, la situazione appare confusa e complicata per due ragioni: dove troverebbe i soldi un movimento “diversamente berlusconiano”, opposto – nei fatti – alla linea del deus ex machina dei moderati italiani? In fondo Berlusconi rimane l’azionista di maggioranza del centrodestra e non solo per il suo carisma. Da qui la seconda riflessione: un Pdl alfaniano potrebbe cominciare a dialogare con Monti e Montezemolo, i quali non hanno mai nascosto la loro filiazione politica. Sarebbe un po’ come prendere due piccioni con una fava: beneficiare di finanziamenti freschi – senza dover dipendere dal conto in banca dell’inquilino di Arcore – dando credito alla “linea diagonale” che Alfano e il presidente della Ferrari hanno tracciato quest’estate, durante un incontro vacanziero ad Agrigento.

Il battesimo del nuovo centrodestra modello PPE potrebbe tenersi mercoledì, nella giornata in cui il presidente del Consiglio Enrico Letta chiederà la fiducia ai due rami del Parlamento. Diversamente da Romano Prodi, l’esponente del Pd sa di poter contare sui ministri dissidenti del suo governo e sui critici della linea dura come Fabrizio Cicchitto, contrario alla deriva “pitonica” di FI delle varie Santanché, Biancofiore e Carfagna.

Stamattina, Il Giornale apre con la notizia del piano B del Colle, che potrebbe attuare in caso di caduta dell’esecutivo Letta. Secondo Massimiliano Scafi – quirinalista della testata –, Giorgio Napolitano potrebbe assegnare un mandato esplorativo al ministro dell’Economia Fabrizio Saccomanni, invitandolo a trovare una maggioranza “a scadenza” che approvi la legge di Stabilità e “magari anche la riforma elettorale”.

Il ministro dell'Economia Saccomanni

Il ministro dell’Economia Saccomanni

Insomma, il presidente della Repubblica è alquanto irritato per il colpo di mano di Silvio Berlusconi e, prima di sciogliere le Camere, valuta bene tutte le possibilità, nel rispetto delle sue prerogative. Sembra lontana l’ipotesi di una chiamata del “papa straniero”, ossia di un esponente extraparlamentare o di un componente della commissione dei “saggi” quirinalizi.

D’altra parte, il Colle è stato chiaro: bisogna evitare il ripetersi del “novembre nero” 2011, mese delle dimissioni di Berlusconi e dell’entrata in scena di Mario Monti.

(Per continuare la lettura cliccate su “2”)

L'autore: Fabrizio Neironi

Laureato in Filosofia, attualmente frequenta le lezioni del Master in Editoria presso l'Università degli Studi di Verona. Scrive anche per Cronache Internazionali, dove commenta le politiche Ue e le scelte degli Stati membri. Segue con interesse la politica italiana, estera e il calcio. Per chi ama cinguettare, è semplicemente @neironif
    Tutti gli articoli di Fabrizio Neironi →