Il topolino Simone, Cor Maura e gli aristogatti

Il topolino Simone, Cor Maura e gli aristogatti Simone è un topolino grigio, nato nella soffitta di una vecchia villa. Lì la sua colonia era vissuta felice per anni, tanto da ribattezzare la soffitta “Cor Maura” in onore del buon cuore della vecchia a cui depredavano la dispensa. Poi l’anziana era trapassata in seguito a uno scippo finito male, e nella casa si era trasferita la sua erede. La vita a Cor Maura era diventata un inferno; trappole, bocconi velenosi, fumi tossici, dispense vuote. Restavano da mangiare solo croste di pizza dentro strane buste con scritto Just Eat. Perdipiù, a Cor Maura si era trasferita una colonia di topi di campagna, aggressivi e puzzolenti. Per un topolino come Simone, nella soffitta la vita è dura. L’erede della vecchia Maura ha portato con sé una dozzina di aristogatti grassi, viziati e paranoici. Terrorizzati dai lati bui della casa, passano le giornate tra letti e divani. Per combattere la noia si dedicano all’arte, alla pittura, alla scrittura, ma soprattutto adorano accusarsi l’un l’altro di essere cani, il loro grande spauracchio. Alcuni si vantano di essere anti-cani e girano per il salotto ad ascoltare i discorsi degli altri aristogatti, attenti che i “miao”... View Article