•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: sabato, 8 dicembre, 2012

articolo scritto da:

Bersani supera Monti. Berlusconi e Grillo gli avversari più temibili

Bersani candidato premier

[ad]Col ritorno in campo di Silvio Berlusconi svanisce il desiderio di salto generazionale, avvertito specialmente fra gli elettori di centrodestra a circa 19 anni dalla discesa in campo dell’imprenditore milanese che ha rivoluzionato la geografia politica del paese. Delineate però le candidature gli italiani non sembrano avere molti dubbi: Pierluigi Bersani è il candidato più idoneo a fare il premier nella prossima legislatura.

Nella classifica dei leader secondo il più recente sondaggio Ipsos (condotto prima dell’ufficializzazione della sesta ricandidatura alla presidenza del consiglio di Berlusconi) il leader della coalizione Italia Bene Comune viene indicato dal 29% degli elettori, superando l’attuale premier Mario Monti che segue al 23%. Da non sottovalutare nel campo dei moderati il consenso per Silvio Berlusconi al 17%. Due indicazioni si possono trarre: la prima è la conferma della netta emarginazione del Popolo della Libertà e del suo leader nell’opinione pubblica con una plausibile riedizione dell’alleanza con la Lega Nord che difficilmente riuscirebbe ad agganciare un terzo degli elettori; al tempo stesso è da considerare come l’ex premier riscuota un tasso di apprezzamento maggiore di un eventuale candidato del MoVimento 5 Stelle, che non andrebbe oltre il 14%. Prima di saltare a conclusioni, però, bisogna leggere questo dato in controluce: fra l’intero elettorato il Cav. non per forza sarà l’avversario più temibile – fra quelli in circolazione – di Bersani: lo vede così il 30% dell’opinione pubblica, mentre un 31% vede in Beppe Grillo una minaccia più temibile alla corsa verso palazzo Chigi del centrosinistra.

Nella sfida Bersani-Berlusconi il disfacimento del governo Pdl-Lega con la necessità di urgenti politiche di salvataggio con l’esecutivo di tecnici di Mario Monti e la competizione interna al centrosinistra per la premiership hanno da mesi segnato il destino di queste elezioni politiche. Ciò nonostante il consenso maggioritario per i progressisti non è privo di sfumature negative.

Il 76% nel vedere una gara fra il segretario del Pd sessantunenne e l’ex premier addirittura settantaseienne non nasconde la sua delusione e perava in leader nuovi a fronte di un 17% appena che li considera i due esponenti più rappresentativi dei rispettivi schieramenti politici.

Secondo dato critico per Bersani. Se all’interno del centrosinistra il suo indiscutibile successo al ballottaggio delle primarie è frutto di una leadership più rassicurante (lo pensa quasi un elettore progressista su due) sull’intero campione le proporzioni si ribaltano e circa il 45% attribuisce l’affermazione sul competitor Matteo Renzi alla capacità di mobilitazione dell’apparato del Partito Democratico, schierato nella sua quasi interezza dalla sua parte.

È meglio anche in questo caso analizzare con chiarezza. Pur incarnando umori in contraddizione questi due dati sarebbero davvero allarmanti soltanto in presenza di una sfida molto più competitiva con differenze di consenso ridotte. Non è questo il caso. E Bersani può affrontare la campagna per le politiche con una maggiore serenità considerando un altro dato del sondaggio Ipsos. Il Pd – come sappiamo – oscilla fra il 36% attribuito dall’istituto di Nando Pagnoncelli al 38% assegnato da Demos&Pi. Uno degli argomenti più ripetuti nella campagna elettorale di Matteo Renzi è che con lui candidato il Pd e il centrosinistra avrebbero avuto un risultato migliore alle elezioni in maniera tale da poter avere salde maggioranze sia alla Camera che al Senato per governare nel prossimo quinquennio. Bene, questa convinzione oltre che dalla percentuale di suffragi attribuita all’alleanza Pd-Sel è smentita pure dalle previsioni degli stessi elettori. Quanti voti prenderà il Partito Democratico con Bersani candidato premier? Il 37% è convinto che Bersani manterrà lo stesso livello di consensi agguantabili con Renzi leader, mentre un 29% immagina un successo ancor più rotondo alle elezioni politiche grazie alla vittoria interna del segretario democrat.


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

5 comments
Riccardo Bottegal
Riccardo Bottegal

Bersani non mi fa impazzire, ma francamente, tra tutti gli altri politici vedo solo melma... quindi è nettamente l'alternativa migliore (bom xibom xibom bom bom...)

Giokapppa
Giokapppa

Ma perché chinate moderati l'area di Berlusconi? Cosa c'è di moderato in Berlusconi? O meglio in alcuni dei suoi caporali, tipo Gasparri o altri? Bersani mi sembra un tipo molto più moderato di idee e di toni.

Merlino Alessandro
Merlino Alessandro

Le elezioni saranno vinte da chi promette di togliere l'IMU sulla prima casa e ridurre l'IMU sulla seconda.  

Mario Genovese
Mario Genovese

Bersani è la oersona giusta in questo momento!!! ed ha un ottimo programma : compreso quella parte in cui prevede di ringiovanire" ragionevolmente" la classe dirigente! Dai!!! ci vuole solo un ultimo sforzo comune !!!!!

Damianoegeo
Damianoegeo

bersani è un lider pragmatico e realista che è in grado di dare fiducia agli italiani e al mondo intero.