•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 21 gennaio, 2014

articolo scritto da:

Ecco i primi numeri con l’Italicum di Renzi: maggioranze nette e meno partiti in Aula

renzi

Ecco i primi numeri con l’Italicum di Renzi: maggioranze nette e meno partiti in Aula

Le regole non sono ancora del tutto chiare, soprattutto su alcuni punti, ma qualcuno i conti con l’Italicum renziano ha già provato a farli. Guardando un po’ al passato, un po’ a un ipotetico futuro, prendendo in considerazione gli ultimi dati forniti dai sondaggi. YouTrend e Quorum hanno provato a simulare l’applicazione del sistema elettorale illustrato ieri da Matteo Renzi durante la direzione del Pd, con due soli risultati certi: il quadro politico rappresentato sarebbe profondamente sfoltito e si creerebbe comunque una maggioranza definita.

Il primo tentativo è legato ai risultati del 2013, che ovviamente con un’altra legge elettorale sarebbero stati diversi, ma possono comunque essere indicativi di una tendenza. In ogni caso, nessuna delle forze o coalizioni in gioco aveva superato il 35%, per cui si sarebbe andati sicuramente al ballottaggio tra Italia. Bene comune e il MoVimento 5 Stelle: la vincente tra le due forze avrebbe ottenuto – a seggi invariati – 334 seggi (il 53% del totale), la perdente 136-137 (a seconda degli arrotondamenti). Il centrodestra sarebbe rimasto fuori dal secondo turno, ottenendo comunque 115 seggi, mentre i montiani ne avrebbero ricevuti 44 o 45 (tutti per Scelta civica, visto che la coalizione non aveva preso il 12%). Viste le soglie così alte di sbarramento all’interno delle coalizioni, tutti i seggi guadagnati da ciascun gruppo sarebbero stati assegnati solo alle forze che hanno superato il 5%, dunque Pd e Pdl.

Camera primo piano legge di stabilita

Questi conti però sarebbero debitori del riferimento ai congegni “anti liste civetta”, la cui traduzione in pratica al momento è tutto meno che chiara. Per YouTrend significa che i voti delle liste sotto la soglia del 5% non concorrerebbero al conto totale per l’assegnazione del premio; nell’ipotesi invece che quei voti fossero stati conteggiati comunque a favore della coalizione (dando dunque un altro significato alla frase sulle “liste civetta”), al ballottaggio con il centrosinistra sarebbe andata la coalizione di Berlusconi. In caso di vittoria di Bersani al secondo turno, ai berlusconiani sarebbero andati 132 seggi, ai montiani 48 e al M5S 116; cifre ribaltate in caso di vittoria del Cavaliere (134 seggi al Pd, 115 ai 5 Stelle e 47 a Scelta civica).

Basandosi invece sui sondaggi delle ultime due settimane, non cambierebbe il risultato del ballottaggio, essendo i partiti e le coalizioni comunque lontani da quel 35%. Si andrebbe dunque per forza al secondo turno, cui parteciperebbe sicuramente il centrosinistra, con l’incognita dello sfidante (centrodestra o M5S?); in questo caso, però, sparirebbe dallo scacchiere parlamentare Scelta civica (troppo lontana dalle soglie previste dall’Italicum) e in Parlamento dei due gruppi maggiori entrerebbero solo Pd e Forza Italia.

renzi dopo l'incontro

In particolare, in caso di vittoria del centrosinistra, il Pd avrebbe i soliti 334 seggi (anche qui, senza immaginare la riduzione dei parlamentari), Forza Italia 150 e il MoVimento 146; se prevalesse il centrodestra, il Pd si ridurrebbe a 177 seggi, lasciandone 119 al M5S. Se invece fosse il soggetto politico di Grillo a vincere, i democratici dovrebbero accontentarsi di 175 seggi e Fi di 121.

Ma che succederebbe, invece, se una delle due coalizioni maggiori superasse il 35% (e si contassero anche i voti delle forze minori, soprattutto se superassero il 5%)? Si eviterebbe il secondo turno, attribuendo al gruppo vincitore (il centrosinistra o il centrodestra) un numero di seggi tra 334 e 346 (a seconda dell’ampiezza del premio assegnato), lasciando il M5S come terza forza, con oltre 100 seggi.

 

 


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

5 comments
Giancarlo De Luca
Giancarlo De Luca

il pregiuticatellum, è la versione peggiorata del porcellum

Antonio Piarulli
Antonio Piarulli

Fatta una prima disamina della situazione politica italiana,ci si accorge che se passasse l'idea folle messa in campo da certo Renzi/Berlusconi,Italicum,aprirebbe direttamente alla corsa al Mitrum! Ditemi la vs opinione,la democrazia è una roba seria,questi la uccidono.