•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 21 febbraio, 2014

articolo scritto da:

De Magistris: “Sono in sintonia con Tsipras. Renzi? Il suo Pd è un’opportunità di cambiamento”

corte dei conti dichiara fallimento comune di napoli

Italia dei Valori, Movimento Arancione, Rivoluzione Civile. Sembra non esser finito qui il peregrinare di Luigi De Magistris: al timone del Comune di Napoli dal 1° giugno 2011, l’ex magistrato è ora alla ricerca di una nuova identità politica. Si guarda intorno il sindaco, ma sempre nell’area del centrosinistra: due i nomi, e non serve un grandissimo sforzo di fantasia, a cui dedica massima attenzione. Matteo Renzi e Alexis Tsipras.

Partiamo dal primo: “Renzi mi piace, è un sindaco. E conosce i problemi veri del Paese” – dice De Magistris in un’intervista a ‘l’Espresso’ – “La sua vera, grande scommessa sarà il Sud. Qui sta nascendo una nuova classe dirigente forte, penso a Emiliano, penso a Orlando. C’è una rinnovata voglia di legalità e di rilancio. Se saprà capirla, sarà una svolta vera per l’Italia”. Il primo cittadino partenopeo prova poi ad offrire l’esempio della sua città al Presidente del Consiglio incaricato: “Non mi colloco, ma oggi il Pd di Renzi è una grande opportunità di cambiamento per tutti. E Napoli può essere un bel laboratorio per la nuova sinistra italiana”.

Poco meno di tre anni fa, De Magistris si rese protagonista di un successo elettorale sorprendente: 128.303 voti al primo turno (27,5%), ballottaggio insperato, preferenze raddoppiate al secondo turno (264mila voti, 65,3%) e vittoria. Un boom. Alle amministrative del 2011 lui a Napoli, Pisapia a Milano e Zedda a Cagliari riuscirono con le loro vittorie nell’impresa di dare nuova linfa al centrosinistra. Tre personalità fuori dagli schemi usuali; anche oggi De Magistris ribadisce il concetto e prova a farne un vanto: “Io non ho un partito, né vi aderisco. Il sindaco di Vienna, quando gli spiegai che non avevo riferimenti nella politica italiana, mi disse: ‘Certo, è Napoli il tuo partito’. Ed è così, proprio così”.

Ed ecco il riferimento a Tsipras, il condottiero greco venuto da fuori, il leader di Syriza candidato alla Presidenza della Commissione UE e sostenuto da ciò che rimane della sinistra radicale italiana: “Napoli è il centro della mia azione. Ma mi sento vicino a Tsipras. Mi sembra molto simile a quello che stiamo facendo qui”.

Chiuso il capitolo sul mondo della sinistra, De Magistris si dedica a Silvio Berlusconi. Si accendono i riflettori sul Cavaliere, e arriva il colpo di scena: “Non mi piace l’idea che un politico debba finire per via giudiziaria, perchè è una sconfitta della politica. Io non demonizzo Berlusconi, e critico chi lo fa” – ammette il sindaco di Napoli – “Bisogna avere un po’ più di cautela nel legittimarlo, così come nel denigrarlo: corriamo il rischio concreto di farne un martire. Ecco, forse in questo senso, Renzi una mano gliel’ha data”.




Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Giuramento della Palla avvelenata

Giuramento della Palla avvelenata

articolo scritto da: