Renzi rassicura gli italiani “Non alzerò le tasse”

Pubblicato il 23 Febbraio 2014 alle 12:30 Autore: Redazione

Ieri, prima del giuramento al Quirinale, il neopremier Matteo Renzi lo aveva scritto su twitter. “Un impegno: rimanere noi stessi, liberi e semplici», è stata la promessa del presidente del Consiglio. E oggi quella promessa è stata in qualche modo già mantenuta. Di buon mattino, il premier ha fatto un post su twitter annunciando una domenica di lavoro su cose concrete “da sindaci” con Graziano Delrio. Di lì sono arrivati subito commenti dei followers e Renzi non si è sottratto. A pbonini1978 che ricorda il piano Gratteri, il premier risponde: “È uno dei dossier più interessanti, Paolo. È sul tavolo”. Mentre a cubik76 che gli chiede: “Sarai come gli altri? salite al potere e ci riempite cmq di tasse?”, Renzi garantisce: “Nella mia esperienza di amministratore le tasse le ho sempre ridotte (prov. Ipt; comune IRPEF). Niente promesse, ma ci proveremo”.

 

Arriva anche una domanda sulla spending review e StefanoTrabalza chiede al premier via twitter: “Perchè non provare a iniziare dal dossier Cottarelli e recuperare risorse per #giovani e #impresa?”. Risponde Renzi: “Anche questo dossier è sul tavolo”. A RobertoSambuco che parla di “economia digitale”, Renzi annuncia sorprese: “Credo che su quesito tema, Roberto, resterai sorpreso. Buona domenica”. Ma la prima di tutte le sfide, dice Renzi, è la lotta alla burocrazia. Scrive grandefirenze: “Speriamo,ma ti scontrerai con la burocrazia ingessata nel passato. Spero che tu ce la faccia…combatti per noi”. Risponde il premier: “Quella della burocrazia è la madre di tutte le battaglie. Significa cambiare mentalità, tutti”. Mentre a domddomenico che chiede di dare una speranza ai giovani, il presidente del consiglio non si sottrae: “Questa è la responsabilità che sento più forte: l’Italia come terra di opportunità e non di rendita. Grazie”. Ultimo impegno quello sulla trasparenza dei costi della politica.  “CarloStagnaro non so se è il primo, Carlo. Ma certo si. Poi tutto si tiene: reg parlamentari, rif cost, trasparenza”.

Alfano con Renzi – Anche Angelino Alfano concorda con Renzi. “Subito riduzione delle tasse sulle famiglie e sulle imprese. L’Italia può farcela davvero!” scrive su twitter il leader di Ncd.

Ichino “Subito la riforma del lavoro” –  Lo chiede il senatore di Scelta Civica Pietro Ichino, che in un’intervista ad Avvenire invita a non farsi illusioni: “Non è tassando le rendite finanziarie che si può abbassare il costo del lavoro”. Il nuovo ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, “ha qualità eccellenti di equilibrio, di apertura mentale e di spirito pragmatico. Quel che conta è che sappia e voglia mantenere la promessa della presentazione del Jobs Act entro marzo”, dice Ichino, secondo cui “se la volontà c’è davvero, la promessa di Renzi può essere mantenuta facilmente”.

L'autore: Redazione

Redazione del Termometro Politico. Questo profilo contiene articoli "corali", scritti dalla nostra redazione, oppure prodotti da giornalisti ed esperti ospiti sulle pagine del Termometro.
    Tutti gli articoli di Redazione →