Donato Sabia è morto: malattia e causa morte. Chi era il mezzofondista

Pubblicato il 14 Settembre 2020 alle 05:31 Autore: Daniele Sforza

Martedì 7 aprile 2002 è morto Donato Sabia, ex mezzafondista e velocista italiano. Aveva 57 anni ed era ricoverato in terapia intensiva.

Donato Sabia è morto
Donato Sabia è morto: malattia e causa morte. Chi era il mezzofondista

Donato Sabia è morto per Coronavirus nella giornata di martedì 7 aprile 2020, presso l’ospedale di Potenza in cui era ricoverato in terapia intensiva. Mezzofondista e velocista italiano, aveva collezionato importanti risultati per se stesso e per l’intero Paese negli anni Ottanta. L’atleta aveva 57 anni.

Donato Sabia è morto: chi era l’atleta

Donato Sabia nasce a Potenza l’11 settembre 1963 e vanta una carriera d’atleta piuttosto importante. È stato infatti due volte finalista degli 800 metri piani ai Giochi Olimpici, raggiungendo la terza miglior posizione italiana della storia con 1’43”88. Inoltre porta il suo nome l’undicesima prestazione italiana migliore di tutti i tempi sui 400 metri piani (45”73).

Ponte crollato sul Magra: dinamica, feriti e cosa è successo

Oro a Goteborg nel 1984

Medaglia d’oro a Goteborg (Europei indoor) nel 1984, per 29 anni rimase imbattuto sui 500 metri piani (con tempo 1’00”08), record ottenuto a Busto Arsizio il 26 maggio 1984. Il traguardo fu poi superato ben oltre 28 anni dopo, e più precisamente il 5 febbraio 2013, da Orestes Rodriguez (59”32). Sabia, 57 anni, era presidente del comitato regionale della Fidal sezione Basilicata.

Emergenza Coronavirus: a marzo numeri da incubo per il mercato automobilistico italiano

Aveva contratto il Coronavirus, come il padre

Ricoverato in terapia intensiva presso l’ospedale San Carlo di Potenza per aver contratto il Coronavirus SARS-CoV-2, ha seguito di qualche giorno il padre, scomparso anch’egli per la stessa malattia. Donato Sabia è la quindicesima vittima di Coronavirus della Basilicata.

Quando si ricomincia a lavorare e calendario date fase 2 in Italia

La Fidal ricorda Donato Sabia

La Fidal ha ricordato Sabia come un “atleta di talento straordinario, ma soprattutto persona d’animo gentile” e ha definito la notizia della sua morte come “una notizia drammatica” che “scuote l’Atletica Italiana in un periodo già difficile per il Paese”.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
redazione@termometropolitico.it

L'autore: Daniele Sforza

Romano, classe 1985. Dal 2006 scrivo per riviste, per poi orientarmi sulla redazione di testi pubblicitari per siti aziendali. Quindi lavoro come redattore SEO per alcune testate online, specializzandomi in temi quali lavoro, previdenza e attualità.
Tutti gli articoli di Daniele Sforza →