•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 8 aprile, 2013

articolo scritto da:

Perché ha (stra)vinto Ignazio Marino

La vittoria di Ignazio Marino. Ieri, Domenica 7 Aprile, per la prima volta i cittadini romani hanno potuto scegliere il proprio candidato sindaco per lo schieramento di centrosinistra. Candidato che sfiderà il sindaco Gianni Alemanno il 26 e 27 maggio.

[ad]Una netta inversione ad U da parte del Partito Democratico e del centrosinistra che, dopo la scelta di puntare su Rutelli alle comunali 2008, ha deciso di far scegliere agli stessi elettori il proprio candidato.

Sei candidati al nastro di partenza: il senatore Ignazio Marino, il capodelegazione del Pd al Parlamento Europeo David Sassoli, l’ex ministro Paolo Gentiloni, la consigliera comunale Gemma Azuni, l’ex assessore provinciale Patrizia Prestipino e il rappresentante dei socialisti Mattia Di Tommaso.

Un numero elevato di candidati a causa di un apparente alto livello di contendibilità della competizione. Per cinque anni infatti a Roma era stato considerato Nicola Zingaretti il candidato in pectore in grado di sconfiggere Alemanno. Le dimissioni anticipate di Renata Polverini però, e le conseguente elezioni regionali anticipate, hanno portato a “liberare la casella del Campidoglio” rendendo incerto il destino del centrosinistra in questa competizione.

L’affluenza: la prima vera incognita di queste primarie era il tasso d’affluenza. Pur trattandosi delle prime primarie della storia per il sindaco di Roma le stime da parte del Pd erano tutte al ribasso. A pesare la situazione politica nazionale quanto mai di stallo e incapace di dare certezze agli elettori. Ma secondo alcuni opinionisti anche il fatto che nessun candidato “scaldasse i cuori”. Proprio per l’assenza di un vero e proprio “fuoriclasse” in grado di apparire da subito come favorito del resto si è registrato un proliferare di candidature fino ad arrivare fino ad otto candidati a sindaco.

C’è da dire però che l’effetto novità rappresentato dalle primarie romane, e la consueta voglia dei cittadini italiani di partecipare alle elezioni in maniera più massiccia rispetto ad altri cittadini europei, ha portato a superare la quota 100.000 votanti considerata minima da parte dei dirigenti del Partito Democratico laziali.

I candidati favoriti: in secondo luogo ci si chiedeva quale candidato avrebbe avuto la meglio. Gli unici con delle chance di vittoria sembravano tre: Sassoli, Marino e Gentiloni. Col tempo però lo schema ha assunto dei connotati bipolari con Gentiloni relegato nella parte di “terzo incomodo” nel bel mezzo dello scontro Marino-Sassoli. Alla vigilia del voto era evidente che alle 20 della domenica sarebbe uscito fuori un nome tra Marino e Sassoli.

La sorpresa della vittoria netta – Una rivincita del voto d’opinione: la vera sorpresa di queste primarie romane dunque non è stata tanto la vittoria di Marino. Bensì la sua netta affermazione. Si temeva nelle settimane precedenti il rischio balcanizzazione e lo spauracchio di un candidato vincente con meno del 25% dei voti. Una soglia troppo bassa per dare forza politica e legittimità a tutto il candidato della coalizione.

(Per continuare la lettura cliccate su “2”)

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Giuramento della Palla avvelenata

Giuramento della Palla avvelenata

articolo scritto da: