• 75
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 18 dicembre, 2017

articolo scritto da:

Elezioni politiche 2018: Grasso premier e Di Maio alla Camera, lo scenario

elezioni politiche

Elezioni politiche 2018: Grasso premier e Di Maio alla Camera, lo scenario

Ad oggi è troppo presto e, quindi, troppo difficile immaginare una vittoria del M5s alle prossime elezioni politiche. Ancora più difficile è immaginare i pentastellati stringere alleanze con qualsivoglia altra coalizione o partito; a dipingere però uno scenario del genere è stato Luigi Bisignani che, nel suo corsivo su il Tempo, ha invece fatto nomi e cognomi di un eventuale esecutivo a guida M5s e non solo.

elezioni politiche

Elezioni politiche 2018, la (possibile) squadra del M5s

Come al suo solito il faccendiere non proferisce parola sulle sue fonti, ne accenna a fornire dettagli circa la base di queste sue previsioni, ma parla con convinzione. Mentre Silvio Berlusconi continua a lanciare attacchi ai pentastellati e a disegnare scenari apocalittici nel caso di un governo Di Maio, Bisignani fa una lista di nomi papabili che potrebbero diventare i nuovi ministri di un esecutivo a guida del M5s.

Alla Giustizia andrebbe Alessio Zaccaria, il giurista che dal 2014 fa parte del Csm come membro laico. Luigi Zingales o Paolo Savona, due economisti, il primo della Chicago Booth School of Business e il secondo già esperto in quanto a incarichi pubblici; loro darebbero invece il cambio a Padoan. Per il ministero dello Sviluppo economico poi Bisignani fa il nome di Antonio Guglielmi, definito come “banchiere eclettico”. La Difesa o gli Interni andrebbero invece al generale della Guardia di Finanza Umberto Rapetto; mentre, come unica quota rosa nelle anticipazioni del giornalista, Mariana Mazzucato – consigliera del leader laburista Jeremy Corbyn – si giocherebbe la partita a tre del Ministero dell’Economia.

Elezioni politiche, e se il M5s si allea con Grasso?

Altra particolare previsione di Bisignani è quella che vede il M5s fare alleanze; “anche con il diavolo purché venga rotto quell’asse fortissimo che unisce oggi Forza Italia con il Pd”. Un “diavolo” che, a questo punto, potrebbe avere le più varie sembianze; come quella di Matteo Salvini o di Pier Luigi Bersani. In una situazione del genere, Di Maio sarebbe anche disposto – stando sempre alle parole di Bisignani  – a rinunciare a Palazzo Chigi e ad accontentarsi della poltrona di presidente della Camera.  Lasciando il posto probabilmente al nome meno problematico di tutti – almeno per il M5s: Piero Grasso.

PAGINA SPECIALE SULLE POLITICHE 2018 A QUESTO LINK

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOKTWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Termometro delle Voluttà

Tresette con Di Maio

articolo scritto da: