•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: domenica, 20 luglio, 2014

articolo scritto da:

Pd, Guerini cambia verso: “Basta giustizialimismo, cambiamo le regole insieme”

C’era un tempo, nemmeno troppo lontano, dove a sinistra Silvio Berlusconi era visto come il “nemico” e la magistratura come l’unica entità in grado di eliminarlo politicamente. Ora, iniziata l’era Renzi, tutto è cambiato. Lo si capisce dalle parole del vicesegretario Pd, Lorenzo Guerini che in un’intervista a QN dichiara: “Credo che, anche a causa della presenza in campo di Berlusconi nel doppio ruolo di leader politico e di imputato, negli ultimi vent’anni la politica sia stata troppo condizionata nell’affrontare i temi della giustizia. Ma quella stagione si è chiusa”.

guerini

Alla domanda se l’assoluzione dell’ex premier chiuda la stagione giustizialista del Pd e ridia slancio al patto del Nazareno, Guerini  risponde di “sì”. “Credo che sarà possibile rispettare la nostra tabella di marcia sulla riforma del Senato”. L’immunità parlamentare, chiarisce, è stata prevista dai padri costituenti “per tutelare l’autonomia della politica ed è chiaro che la politica debba essere all’altezza di questa garanzia. Personalmente – continua Guerini – concordo con chi intende delegare a un soggetto terzo come la Corte costituzionale le decisioni sui parlamentari alle prese con la giustizia”. Quanto al dialogo con il M5S, “l’incontro chiesto da Di Maio è stato sconvocato da Grillo. Noi crediamo che la scrittura delle regole del gioco politico presupponga ampie convergenze, ma se loro non vogliono”. E sull’Italicum “non cercheremo forzature” in tema di preferenze. Guerini riflette poi sui dissidenti Pd: “Sono una minoranza che è molto minoranza: una sommatoria di posizioni individuali, più che un’area politica”. Infine conferma l’obiettivo del governo di maggiore flessibilità dei Trattati europei in cambio di riforme e risponde al commissario agli Affari economici Ue Jyrki Katainen, contrario ad una lettura creativa del Patto di Stabilità: “non siamo scolaretti indisciplinati: cosa fa l’Italia lo decide il popolo italiano, non un commissario finlandese”.

NENCINI, I GIUSTIZIALISTI DEL PD ORA SI PENTANO –  Anche il viceministro dei Trasporti, Riccardo Nencini, commenta l’assoluzione in appello di Silvio Berlusconi, imputato nel processo Ruby. Il leader del Psi chiede alla sinistra di fare mea culpa: “Una buona parte dovrebbe farlo perchè ha accettato che la seconda repubblica si fondasse su una linea di confine tra destra e sinistra diversa da ogni altra parte del mondo: il confine in questi vent’anni non è stato come ridistribuire la ricchezza in Italia, ma la giustizia con due tifoserie schierate. La sentenza, continua Nencini, “significa due cose: la prima è che i giudizi etici non si possono sovrapporre a valutazioni di ordine penale”. “Spero che la sentenza possa servire ad archiviare quella linea di confine su cui la seconda repubblica è nata”. “Se le parole di Orfini non sono dichiarazioni generiche – conclude Nencini – la svolta del Pd si vedrà sulla responsabilità civile dei giudici. Per quanto ci riguarda, il relatore è il socialista Buemi e abbiamo a Palazzo Madama una piccola ma agguerrita pattuglia di socialisti”.

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Giuramento della Palla avvelenata

Giuramento della Palla avvelenata

articolo scritto da: