Come si vota alle europee del 26 maggio 2019: preferenze e voto di lista

Pubblicato il 24 Maggio 2019 alle 14:01 Autore: Daniele Sforza

Come si vota alle europee di domenica 26 maggio 2019: Ecco come dare le proprie preferenze sulla scheda e le modalità di votazione previste.

Come si vota alle europee del 26 maggio 2019
Come si vota alle europee del 26 maggio 2019: preferenze e voto di lista

Si avvicina sempre di più la data delle elezioni europee. In Italia si voterà domenica 26 maggio 2019, mentre in altri Paesi si è votato anche prima, come ad esempio in Olanda (leggi questo articolo per sapere chi ha vinto). Le elezioni europee 2019 chiameranno alle urne gli elettori di 28 Paesi europei: questi ultimi saranno tenuti a eleggere i 751 eurodeputati per il quinquennio 2019-2024. Per molti esperti queste elezioni sono le più importanti di sempre per l’Europa: sulla scacchiera ci sono gli europeisti da un lato e gli euroscettici/sovranisti/populisti dall’altro. Sullo sfondo, anche il caso Brexit.

Elezioni europee 2019: come funziona

Nella giornata di domenica 26 maggio 2019 si potrà votare dalle ore 7 alle ore 23. Si ricorda che in alcuni comuni si vota anche per le amministrative, mentre in Piemonte ci saranno anche le elezioni regionali. Ovviamente, per votare bisogna avere compiuto 18 anni. I seggi sono divisi per Paesi europei proporzionalmente in base al rispettivo numero di abitanti (in Italia saranno 73). Il numero di seggi nel nostro Paese andrà al partito sempre tramite metodo proporzionale, ovvero in base al numero di voti che ottiene. È prevista una soglia di sbarramento del 4%.

Europee 2019: circoscrizioni e seggi

L’Italia è divisa in cinque circoscrizioni elettorali che rappresentano la ripartizione delle varie aree geografiche. Le circoscrizioni elettorali ci sono anche in altri Paesi europei: Belgio, Francia, Irlanda, Regno Unito, Irlanda e Polonia. I seggi vengono ripartiti tra le circoscrizioni territoriali nel modo seguente.

  • Nord-Occidentale (I): 20 seggi;
  • Nord-Orientale (II): 14 seggi;
  • Centrale (III): 14 seggi;
  • Meridionale (IV): 17 seggi;
  • Insulare (V): 8 seggi.

Come si vota alle europee 2019

Quali sono i documenti validi per andare a votare alle elezioni europee del 26 maggio 2019? Sintetizzando, bisognerà presentarsi al seggio con un documento d’identità valido e la propria tessera elettorale. Bisognerà quindi esibire i documenti, che lo scrutatore registrerà, e recarsi in cabina con la matita copiativa che verrà consegnata. Solo con questa si potrà esprimere la propria preferenza. Naturalmente sarà consegnata anche la scheda elettorale di riferimento, che avrà un colore differente in base alla circoscrizione in cui ci si trova.

Si dovrà quindi apporre una X sul contrassegno corrispondente alla lista scelta. Sarà inoltre possibile (ma non obbligatorio) esprimere fino a 3 preferenze relative alla propria circoscrizione, ma attenzione, perché esiste il vincolo di genere. Ovvero, in caso di preferenza multipla, bisognerà votare almeno un uomo e una donna. Se invece si dovessero esprimere i nominativi di un solo genere (maschile o femminile) la preferenza valida sarà solamente la prima.

In merito alle preferenze queste si esprimono scrivendo il cognome del candidato, oppure il nome e cognome dello stesso. In caso di identità di cognome, bisognerà inserire il nome e, in caso, anche data e luogo di nascita del candidato scelto.

Una guida informativa su come si vota alle elezioni europee 2019 sarà comunque consultabile, oltre che sul sito del Ministero dell’Interno, anche nei seggi elettorali dove si andrà a votare.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
redazione@termometropolitico.it

L'autore: Daniele Sforza

Romano, classe 1985. Dal 2006 scrivo per riviste, per poi orientarmi sulla redazione di testi pubblicitari per siti aziendali. Quindi lavoro come redattore SEO per alcune testate online, specializzandomi in temi quali lavoro, previdenza e attualità.
Tutti gli articoli di Daniele Sforza →