Green pass rinnovo: valido anche per l’anno prossimo. L’ipotesi

Pubblicato il 29 Ottobre 2021 alle 08:30 Autore: Guglielmo Sano
Green pass rinnovo: valido anche per l’anno prossimo. L’ipotesi

Green pass rinnovo: valido anche per l’anno prossimo. L’ipotesi

Green pass rinnovo: obbligo di certificato verso l’estensione almeno per la prima metà dell’anno prossimo non solo sul lavoro ma anche sui mezzi di trasporto a lunga percorrenza e per accedere a grandi eventi e in tutti quei luoghi in cui è maggiore la possibilità che si formino assembramenti. L’ipotesi allo studio del Governo Draghi.

Green pass rinnovo: cosa succede a fine dicembre?

Green pass rinnovo: nel piano di contrasto all’epidemia del Governo Draghi la campagna vaccinale diventerà ancora più importante nei prossimi mesi. L’esecutivo sa bene che il paese non può più permettersi chiusure e limitazioni, al contempo, la curva dei contagi e dei ricoveri appare in leggera risalita. In pratica, per evitare lockdown più o meno estesi bisogna spingere sulle somministrazioni fino a raggiungere la soglia di sicurezza – portata al 90% degli over 12 vaccinati – e poi proseguire sulla stessa strada con le terze dosi.

A fine dicembre, d’altra parte, insieme a quelle sullo stato di emergenza, scatta anche il termine fissato per le norme riguardanti l’obbligo di Green pass. Quindi, i tecnici del Governo stanno valutando l’allungamento della validità delle regole riguardanti il certificato sia in chiave contenimento dei contagi sia per incentivare la vaccinazione.

Verso l’estensione dell’obbligo per parte del 2022

Green pass rinnovo: l’esecutivo sembra soddisfatto dall’introduzione dell’obbligo di munirsi del certificato in moltissime situazioni del quotidiano. La misura – una delle più rigide, se non la più rigida al mondo – pare funzionare sul fronte del contenimento dei contagi: nei paesi che osservano un aumento della diffusione del coronavirus si sta valutando di muoversi sulla stessa linea, dove esiste un obbligo simile si è già provveduto a prorogare la misura (come in Francia, dove però non si applica sui luoghi di lavoro).

Inoltre, l’obbligo sembra attualmente l’unico modo per far rimanere aperte molte attività ed esercizi commerciali che, in caso di consistente aumento di contagi e ricoveri, andrebbero per forza di cose incontro a nuove chiusure. La misura, sempre secondo gli intendimenti del Governo, dovrebbe servire anche spingere la campagna vaccinale: anche se guardando gli ultimi dati sulle prime dosi l’effetto “Green pass” pare essersi sostanzialmente esaurito. Detto ciò, solo ipotesi al momento, tuttavia, per tutti i motivi di cui sopra, l’obbligo di esibirlo su treni e aerei, negli stadi e ai ristoranti, in tutti i luoghi di lavoro potrebbe essere mantenuto fino ad almeno l’estate del 2022.

Segui Termometro Politico su Google News

Scrivici a redazione@termometropolitico.it

Per commentare su questo argomento clicca qui!

L'autore: Guglielmo Sano

Nato nel 1989 a Palermo, si laurea in Filosofia della conoscenza e della comunicazione per poi proseguire i suoi studi in Scienze filosofiche a Bologna. Giornalista pubblicista dal 2018 (Odg Sicilia), si occupa principalmente di politica e attualità. Cura la sezione esteri per Termometro Politico
Tutti gli articoli di Guglielmo Sano →