ISIS sconfitto, la mappa del ritiro dello Stato islamico

ISIS sconfitto, la mappa del ritiro dello Stato islamico in Medio Oriente Nel 2014 il mondo fu sconvolto dalla notizia della conquista di Mosul da parte dell’ISIS. Era la prima volta che un gruppo terrorista si impadroniva di un territorio e di una grande città. La proclamazione del califfato metteva il mondo di fronte al rischio di una dilagarsi a macchia d’olio. L’obiettivo più immediato era impadronirsi di Siria e Iraq, dove già era presente una guerra civile. Il pessimismo era alto, visto anche l’appoggio, nascosto, di alcuni Paesi sunniti come Qatar o Turchia, in funzione anti-sciita. E anti-Iran. Il regime di Assad era dato in pericolo, sotto il peso sia dei ribelli che appunto dell’ISIS. Così come in Iraq il disimpegno degli USA sembrava lasciare scoperto il governo locale a maggioranza sciita. Tuttavia è stato il maggiore interventismo iraniano e russo a cambiare le cose. Oltre che a una forza maggiore del previsto delle milizie curde. Lentamente come vediamo nella mappa dinamica tratta da VividMaps il territorio di Al Baghdadi è andato man mano ritirandosi. ISIS sconfitto, ma il pericolo terrorismo è sempre più forte Si vede bene come la macchia nera dell’ISIS si sia ritirata, sotto l’avanzata delle... View Article