Bitcoin torna a salire, Ginevra e Singapore nuove mete

Bitcoin torna a salire, Ginevra e Singapore nuove mete. Ci ha provato Pechino, poi JP Morgan a far crollare Bitcoin. Un calo c’è stato, ma conseguentemente c’è stata anche la ripresa. E nonostante attualmente BTC spunti segno negativo, bisogna considerare la forte ripresa della criptovaluta, che ha resistito agli attacchi su più fronti. Il 15 settembre scorso, infatti, Bitcoin è sceso sotto quota 3 mila dollari. Ciò aveva vanificato tutti gli sforzi compiuti nel mese di agosto e nella prima metà del mese. Sforzi che avevano fatto registrare ottimismo e previsioni rosee per il futuro della criptomoneta. Con gli altolà da parte di Cina e istituzioni finanziarie, BTC ha subito un crollo fisiologico. Ma poi è risalita, tornando sopra quota 4 mila dollari. E zittendo gli scettici. Ma cosa c’è alla base di questa inaspettata e piuttosto rapida ripresa? Bitcoin giù: le cause del calo Prima venne la Cina. Con il governo di Pechino che aveva bloccato le Ico (Initial Coin Offerings). Questo divieto aveva allentato la rincorsa di BTC, che però, dopo qualche giorno, si è subito ripreso. Poi ci ha pensato Jamie Dimon di JP Morgan a sparare a zero contro Bitcoin. La “moneta senza futuro” sembra aver... View Article