•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 24 novembre, 2014

articolo scritto da:

SPECIALE ELEZIONI REGIONALI 2014 Emilia Romagna, Bonaccini vince con il 49.05%, la Lega doppia Forza Italia

risultati elezioni regionali emilia romagna

Diretta risultati elezioni regionali Emilia Romagna: l’affluenza, i candidati, le curiosità e tutti gli aneddoti sulla giornata elettorale.

PER SEGUIRE TUTTE LE NOSTRE DIRETTE DIVENTA FAN SU FACEBOOK E SEGUICI SU TWITTER

PER DIBATTERE E COMMENTARE INSIEME A NOI QUESTE ELEZIONI ISCRIVITI AL NOSTRO FORUM

||| PREMI F5 PER AGGIORNARE LA PAGINA E SEGUIRE LA DIRETTA OPPURE CLICCA QUI|||

COMPOSIZIONE NUOVO CONSIGLIO REGIONALE EMILIA ROMAGNA

PARTITO DEMOCRATICO Simonetta Saliera con 11.947 voti, Giuseppe Paruolo con 6.614 voti, Stefano Coliandro con 6.292 voti Francesca Marchetti 5.548, Roberto Poli 5.435, Antonio Mumolo 4.353  Zappatella Marcella 6678, Calvano Paolo 5853 Costi Palma 7.418, Boschini Giuseppe 6.287, Serri Luciana 4.613 Sabattini Luca 4.407 Iotti Massimo 6.303, Lori Barbara 6.032 Cardinali Alessandro 4.386 Gazzolo Paola 6.003, Molinari Gian Luigi 5.820 Bagnari Mirco 5.753, Rontini Manuela 5.639, Bessi Gianni 5.186 Pruccoli Giorgio 4.518, Rossi Nadia 4.199  Zoffoli Paolo 7100, Ravaioli Valentina 5367, Montalti Lia 4914 Rossi Andrea 8.747, Mori Roberta 7.564, Soncini Ottavia 6.150, Prodi Silvia 4.792

SEL Igor Taruffi con 1.839 voti, Torri Yuri 479

LEGA NORD Daniele Marchetti, con 1.621 voti Pettazzoni Marco 979, Pompignani Massimiliano 1685, Bargi Stefano 1.845, Rainieri Fabio 2.649 LEGA Rancan Matteo 4.515, Liverani Andrea 1.347, Delmonte Gabriele 796

FORZA ITALIA Galeazzo Bignami con 9.956 voti, Aimi Enrico 2.924

FRATELLI D’ITALIA Foti Tommaso 2.222

MOVIMENTO 5 STELLE Silvia Piccinini, eletta con 1.767 voti, Bertani Andrea 607, Gibertoni Giulia 2.992, Sassi Gian-luca 871, Sensoli Raffaella 1.066

L’ALTRA EMILIA ROMAGNA Piergiovanni Alleva, eletto con 1.315

14.43 Sono tre i neo consiglieri dell’Emilia-Romagna che risultano indagati nell’inchiesta sui rimborsi per i gruppi della scorsa legislatura: Antonio Mumolo, eletto nelle fila del Pd, e Galeazzo Bignami e Enrico Aimi (Fi). Erano 12 i ricandidati alle regionali tra i 41 consiglieri che hanno ricevuto l’avviso di fine indagine inviato dalla Procura di Bologna. Ai tre neoeletti va tecnicamente aggiunto lo stesso presidente Stefano Bonaccini, anche lui ancora formalmente indagato nell’inchiesta ma la cui posizione è stata stralciata dai pm, che per lui hanno chiesto l’archiviazione al gip.

14.23 È di 42,5 anni la media d’età del nuovo consiglio regionale, che è composto, per un terzo da donne. La rappresentanza femminile (grazie anche alla doppia preferenza di genere) è significativamente cresciuta: dal 20% al 34%, erano dieci nel consiglio uscente, adesso sono 17. A contribuire alle ‘quota rosà sono, però, solo i gruppi del Movimento 5 Stelle (60%, tre donne su cinque consiglieri) e il Partito Democratico (47%, 14 su 30), mentre gli altri gruppi sono interamente composti da uomini. Quello della Lega Nord è il gruppo più giovane, con 32,3 anni di età, seguito da Sel (34), M5s (40), Pd (45) e Forza Italia (46,5). Il consigliere più giovane è il piacentino Matteo Rancan della Lega Nord, che ha 23 anni. Quello più anziano è Giovanni Alleva dell’Altra Emilia-Romagna con 68 anni.

13.45 Questa la composizione del nuovo consiglio regionale: PD 29, SeL 2, Lega Nord 8, Forza Italia 2, FdI-AN 1, M5S 5, L’Altra Emilia Romagna 1. Altri due seggi andranno al presidente eletto e al candidato giunto secondo (che “ruba” un seggio a Forza Italia). Il PD è maggioranza assoluta.

13.32 La risposta velenosa di Renato Brunetta a Matteo Renzi

12.50 Bonaccini festeggia e si mette subito al lavoro

12.45 “Con questo livello di astensionismo ha perso la democrazia” sono le parole affidate da Grillo al proprio blog

12.40 Beppe Grillo rivendica il successo del Movimento Cinque Stelle

12.30 Sempre a Bologna, invece, si registra il calo maggiore del PD (-10%) rispetto alle ultime Europee. Rispetto a maggio, il partito di Renzi perde in tutte le circoscrizioni: -5.7 a Rimini, -6.2 a Piacenza, -8.5 a Parma, -5.6 a Reggio, -6.7 a Modena, -9.3 a Ferrara, -8.2 a Ravenna, -9.4 a Forlì-Cesena 11.50 E pensare che per la Lega il 15.1% fatto registrare a Bologna è il risultato più basso di tutte le circoscrizioni dell’Emilia Romagna. Il partito di Salvini sfonda il 20% a Forlì-Cesena, Ravenna, Parma, Ferrara e Piacenza, dove tocca addirittura il 28.2% 11.30 Sempre a Bologna, la Lega quadruplica il proprio risultato: 15.1 contro il 3.7 delle Europee 11.25 A Bologna il centrosinistra si ferma al 52.2%. Alle ultime Europee il solo PD aveva preso il 55.2%. 11.15 I risultati definitivi dei partiti. I risultati delle altre liste: M5S 13.26, L’Altra Emilia Romagna 3.71, NCD-UdC-Emilia Romagna Popolare 2.63, Liberi Cittadini 0.98 11.10 I risultati definitivi dei partiti. Liste collegate ad Alan Fabbri: Lega Nord 19.42, Forza Italia 8.36, Fratelli d’Italia-AN 1.91 11.05 I risultati definitivi dei partiti. Liste collegate al nuovo presidente Bonaccini: PD 44.52 SeL 3.23 Emilia Romagna Civica 1.49 Centro Democratico 0.43 11.00 Luci ed ombre anche per il Movimento Cinque Stelle, che doppia il risultato del 2010 (passando dal 6 al 13.2%) ma perde un terzo dei voti rispetto alle ultime europee, in cui raccolse il 19.2% 10.50 Sorrisi a metà nel centrosinistra. Il PD migliora rispetto alle ultime regionali (passando dal 40.6 al 44.5%) ma la coalizione indietreggia rispetto al 2010: Bonaccini ottiene 3 punti percentuali in meno rispetto ad Errani. Rispetto alle Europee, invece, il PD perde ben 8 punti. 10.25 E Matteo Salvini giustamente festeggia, parlando di “risultato storico”. Glissa invece sul sorpasso a FI: “La mia scommessa non era superare Forza Italia, ma dimostrare agli italiani, partendo dall’Emilia-Romagna, che l’alternativa a Renzi c’è”. E ribadisce il nuovo obiettivo: “voglio arrivare al 51 percento degli elettori”, ha concluso. 10.20 Altro che rischio di “sorpasso a destra”, come scritto negli ultimi giorni: quella effettuata dalla Lega Nord nei confronti di Forza Italia è una vera e propria sverniciata. Il partito di Berlusconi in Emilia subisce un doppiaggio in piena regola: 19.42% il dato della Lega, appena 8.36% per gli azzurri. 09.31 E arriva il tweet celebrativo di Matteo Renzi, che si congratula con i due vincitori.

09.26 Con il 49.05% il candidato di centrosinistra Stefano Bonaccini è il nuovo Governatore dell’Emilia Romagna. Stacca di quasi 20 punti il leghista Alan Fabbri (appoggiato anche da Forza Italia e FdI-AN), che si ferma al 29.85%. Più distante Giulia Gibertoni (M5S), che si attesta al 13.30%. Chiudono Maria Cristina Quintavalla (L’Altra Emilia Romagna) al 4%, Alessandro Rondoni (Ncd-Udc-Emilia Romagna Popolare) al 2.66% e Maurizio Mazzanti (Liberi Cittadini) all’1.12%. 02.30 Con la vittoria certa di Bonaccini, quasi certamente sotto il 50% ma comunque vincente, chiudiamo questa diretta notturna. La discussione continua, per gli appassionati, sul nostro forum: https://forum.termometropolitico.it/656506-risultati-elezioni-regionali-emilia-romagna-e-calabria.html#post13926534 02.05 Lega proiettata intorno al 19% si invertono i rapporti di forza tra Lega e Forza Italia. Lega europee 2014: 116000, adesso 180.000. Forza Italia europee 2014: 272000, adesso 85.000 01.50 Il PD rischia di passare da 1,2 milioni di voti assoluti presi alle scorse europee, ai circa 600.000 di adesso. Il PD mantiene una percentuale ragguardevole rispetto ad altri partiti, ma vede dimezzare il numero dei propri voti assoluti. 01.40 Il divario di risultati tra città e campagna tende ad allargarsi. Il PD va molto più forte nelle città più grandi 01.35 La percentuale di Bonaccini sale verso il 49%

 01.00 Un centrosinistra vincente in Emilia Romagna con percentuali al di sotto del 50% non potrebbe certamente parlare di grande vittoria, considerando anche la bassissima affluenza, finora nelle elezioni regionali in Emilia Romagna non era mai sceso sotto il 52%, risultato ottenuto da Vasco Errani nel 2010. Alle europee del 2014 il solo PD ha preso oltre il 52% 00.50 Secondo le nostre proiezioni Bonaccini dovrebbe spuntarla con una percentuale intorno al 48% 00.45  CSX BONACCINI STEFANO 23.782 44,85% CDX FABBRI ALAN 19.262 36,33%  M5S GIBERTONI GIULIA 6.640 12,52%   Sezioni 256 su 4.512 00.30 Scrutini in corso   chi ha vinto elezioni regionali 2014 emilia romagna calabria 00.25 Lega al momento al 28%. Anche se dovesse scendere tra il 18% ed il 20% si tratterebbe di uno storico risultato 00.20 Bonaccini allunga su Fabbri: risultati Emilia Romagna bonaccini fabbri 00.15 Dati ufficiali: Bonaccini in leggero vantaggio su Fabbri. risultati emilia 00.10 Primissimi dati ufficiali scrutini scrutini risultati elezioni regionali 2014 23.50 Grafico affluenza speciale elezioni affluenza definitiva emilia romagna calabria risultati elezioni regionali 24.00 Chiunque vincerà dovrà riflettere sul turno elettorale che ha fatto registrare un’astensione altissima 23.55 Rimini è la provincia con il dato dell’affluenza più basso della Regione 23.50 Si preannuncia vittoria del centrosinistra in Emilia Romagna. 23.50 Dati affluenza vittoria elezioni regionali emilia romagna 23.45 Alcuni attivisti del M5S temono possa essere una debacle. Qualche leghista parla di M5S come di una meteora: alle ultime regionali in Emilia Romagna ha conquistato il 7% e due consiglieri regionali. Temibile anche il confronto con il dato delle elezioni europee (vedi la nostra mappa) 23.40 Prime due sezioni a Villa Minozzo: iniziato scrutinio. Stefano Bonaccini candidato del centrosinistra è al 60% 23.30 In quasi nessun comune emiliano l’affluenza definitiva ha superato il 50% 23.20 Affluenza definitiva. Secondo dati parziali del Ministero in Emilia affluenza pari al 37,62% contro il 65% delle precedenti elezioni regionali. 23.00 Seggi chiusi: a breve iniziano gli scrutini coi risultati elettorali 22.55 nuovo presidente emilia romagna 22.45 Affluenza alle ore 19 nei comuni dei candidati alla presidenza della Regione Emilia Romagna Modena 31,99% (Stefano Bonaccini candidato centrosinistra e Giulia Gibertoni candidato MoVimento 5 Stelle) Bondeno 47,54% (Alan Fabbri candidato centrodestra: Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia) Bologna 33,39% (Maurizio Mazzanti candidato lista ‘Liberi cittadini’) Parma 27,39% (Maria Cristina Quintavalla candidata L’Altra Emilia) Forlì 29,57% (Alessandro Rondoni candidato Nuovo Centrodestra e UDC) 22.35 Cosa ha detto Romano Prodi: “Se si andrà su una percentuale al di sotto del 50%, sarà un dato preoccupante. Alle 19 la cosa che sorprende è che l’Emilia Romagna aveva un dato inferiore rispetto alla Calabria, mentre di solito è di 11-12 punti percentuali superiore, quindi c’è una particolare situazione di malessere” anche se ha aggiunto “la caduta dei votanti era abbastanza prevista”. 22.30 Derby finito: pareggio tra Milan e Inter 1-1 22.15 L’attacco via twitter di Salvini a Romano Prodi

22.00 Il derby (Milan in vantaggio 1 a 0 sull’Inter) rallenta flusso tweet su elezioni regionali: influirà anche sul dato finale dell’astensione? 21.45 Maria Elena Boschi in giornata ha dichiarato “Le elezioni regionali non sono un referendum sul governo. Ovviamente io credo che finirà con una vittoria del Pd, in entrambi i casi. Ma staremo a vedere. Vedremo stasera” 21.30 Rileggiamo le parole di Civati che ha commentato a caldo il risultato dell’affluenza alle ore 12  “I primi dati dell’affluenza alle Regionali sono disarmanti. Meno del 10% a mezzogiorno in Calabria, in Emilia poco sopra. Da domani forse sarà più chiaro che la governabilità come unica stella – senza rappresentanza – è non solo un problema, ma un vero e proprio pericolo. La sera delle elezioni sapremo chi ha vinto, forse. Ma sapremo anche che avrà perso la democrazia, se andiamo avanti così”. 21.10 Rondoni candidato presidente UDC-NCD comunicazioni di servizio “Dalle ore 24 sarò a Bologna, nella sede della Regione, per seguire i risultati in diretta streaming anche con gli altri candidati presidenti” 21.05 Il fake di Cuperlo ‘sfotte’ Renzi prendendo a pretesto la bassa affluenza sinora registrata alle elezioni regionali

21.00 In base alle prime osservazioni su flussi e studi elettorali l’affluenza più alta in zone caratterizzato in passato da un forte voto di protesta

20.40 Elezioni Emilia Romagna, europee 2014: grafico

emilia romagna risultati

20.30 Alle ultime regionali ha votato il 66%. Dalle prime stime in questa tornata elettorale si potrebbe solo di poco superare la soglia del 50% (se non andare sotto)

20.20 I risultati di partiti e liste nelle scorse elezioni regionali: grafico

andamento partiti elezioni regionali emilia romagna 2010

20.10 Dati dell’affluenza a confronto

affluenza ore 19

20.00 Grafico risultati elezioni regionali Emilia Romagna 2010

diretta risultati elezioni regionali calabria 2014

19.00 Affluenza Emilia Romagna: alle ore 19 ha votato il 31% degli aventi diritto.

16.00 Dove si è votato meno è a Rimini, con il 7.75%. Basso anche il dato di Parma con 9,74%. Bologna è la città dove si è votato di più finora, con 12,1%: il comune bolognese con la maggiore affluenza è Anzola con il 14%. Bene anche il dato a Ferrara con 11,57%.

13.17 Il candidato leghista alla presidenza della Regione Emilia Romagna Alan Fabbri, sostenuto anche da Fi e Fratelli D’Italia, ha votato oggi alle 9,45 al seggio di Burana, sezione elettorale 10, nel comune di Bondeno in provincia di Ferrara. “Sono tranquillo e fiducioso – ha detto Fabbri – abbiamo fatto una campagna elettorale coraggiosa e tostissima, ringrazio tutti: è stata un’esperienza magnifica: 17 mila chilometri in 3 settimane”. “Rifarei tutto – ha aggiunto – domani mattina”.

13.09 “Il voto è l’unico filo che ci lega sistematicamente alla democrazia, quindi uno può essere contento o scontento, ma se rinuncia al voto, rinuncia a qualcosa”. Lo ha detto l’ex premier Romano Prodi all’uscita del seggio al liceo Galvani a Bologna, dove questa mattina insieme alla moglie Flavia, ha votato per la scelta del nuovo governatore della Regione Emilia Romagna. “È importante andare a votare se non accadono cose straordinarie” ha aggiunto Prodi, parlando con i cronisti, ribadendo che “il voto è strumento efficace”.

elezioni regionali emilia romagna presidente e consiglieri regionali eletti

12.0o Alle 12 in Emilia Romagna è andato a votare il 10,75% degli aventi diritto

astensione elezioni regionali emilia romagna

Elezioni regionali Emilia Romagna, come si vota

L’elettore può votare – per una lista tracciando un segno sul contrassegno (il voto si intende espresso anche per il candidato presidente a essa collegato);  – per un solo per un candidato alla carica di presidente tracciando un segno sul relativo rettangolo; – per un candidato alla carica di presidente, tracciando un segno sul relativo rettangolo, e per una delle liste a esso collegate, tracciando un segno sul contrassegno di una di tali liste; – disgiuntamente per un candidato alla carica di presidente, tracciando un segno sul relativo rettangolo, e per una delle altre liste a esso non collegate, tracciando un segno sul contrassegno di una di tali liste. Preferenze: è possibile esprimere uno o due voti di preferenza per un candidato a consigliere regionale, scrivendo il cognome (o il cognome e nome) del candidato o dei due candidati compresi nella stessa lista. Nel caso di espressione di due preferenze, esse devono riguardare candidati di sesso diverso della stessa lista, pena l’annullamento della seconda preferenza.

 risultati elezioni regionali emilia romagna

Elezioni regionali Emilia Romagna, candidati presidente

Il candidato del centrosinistra è Stefano Bonaccini sostenuto da PD, SEL, Centro Democratico ed Emilia Romagna civica.

Il centrodestra sostiene l’esponente della Lega Nord Alan Fabbri sostenuto da Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia.

Giulia Gilbertoni è la candidata del MoVimento 5 Stelle. Completano il quadro Maurizio Mazzanti per la lista ‘Liberi cittadini’, Maria Cristina Quintavalla candidata per l’Altra Emilia-Romagna (vicina alla Lista Tsipras) e Alessandro Rondoni candidato di Nuovo Centrodestra e UDC.


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

55 comments
GiulioMancabelli
GiulioMancabelli

Se non riusciamo a capire che un siffatto astensionismo (elez. Emilia Romagna e Calabria) non possa che dimostrarci l’assoluta mancanza di competitività, non intenderlo, significa consideraci di vivere fuori dal mondo! Al di là della supposta considerazione comune, dell’a che cosa serva sempre più andare a votare se ormai, tutto è o vien già predisposto per nomina dagli apparati partitocratici quanto dai massimi vertici vedonsi i Monti, i Letta e lo stesso Renzi! Serve essenzialmente ed urgentemente un sistema elettorale più appropriato ed adeguato ai nostri “accelerati e cangianti” tempi che riproduca un’autentica meritocratica contendibilità quanto col sistema SEMIALTERNO si propone rispetto alla solita antiquato vetustà che ci sottrae ogni futuro allora, e per l’appunto, dovremmo totalmente rottamare si quanto in attuazione ed anche il prospettato suo erede l’Italicum!Giacché l’Italia non può più permettersi d’impersonare l’eterno paese delle riforme perennemente annunciate enfatizzate prima d’ogni campagna elettorale per poi eluderle (vedi la legge elettorale che Renzi aveva promesso d’acquisire ancora entro marzo corrente anno!!) – riforme elencate in ogni programma elettorale per poi, mai introdurle se non per trasformarle in semplici annunci quali autentici esercizi celebrativi di retorica di: balle & bolle! Ad ulteriore riprova di quanto la nostrana casta nazionalizzata intende conservare sempre transitivo il sistema elettorale per mantenersi come CASTA sempre più intransitiva nello spazio tempo. Quando semplicemente servirebbe uno scatto di buon senso e buona fede per addivenire ad un sistema più organico e completo quanto col sistema SEMIALTERNO * si permetterebbe riprodurre una effettiva dinamica contendibilità a tutto tondo infondendo quella indispensabile contendibilità che il nostro tempo reclama ovunque ed ad ogni livello per così accelerare i tempi e ridurre sempre più le filiere parassitarie d’intermediazione.

Gradi Stefano
Gradi Stefano

Sig.Piero, mi piacerebbe capire come è arrivato a questa conclusione....

Aldo Giulio Zangaro
Aldo Giulio Zangaro

La gente si e rotta il cszzo di ascoltare "a" e vedere che si fa "b"...cioe la plitica non ha credibilita..mi candido a predodente devli adtensionisti...ahahah...ma non tanto..quslcuno fsccia sta cosa..si chieda il voto x fsre quello che sti cighi della politica..dicono e non dicono..

Aldo Boni
Aldo Boni

penso che in emilia l'unico vincitore sia la lega nord..................

Mauro Agus
Mauro Agus

sull'astensionismo avrebbe anche ragione, se non cercasse di strumentalizzarla.

Lea Fotter
Lea Fotter

Vittoria netta??? .hanno perso 350.000 voti rispetto alle precedenti Regionali!!

Val En Angar
Val En Angar

Renzi ha finito le palle da raccontare...

Angelo Ruggeri
Angelo Ruggeri

Non doveva essere quello che recuperava l'astensionismo?

Salvatore Caputo
Salvatore Caputo

...se stai a sentire questo buffone lui vince sempre....è dalle europee, x coerenza, che dovrebbe dimettersi. In calabria neanche sono entrati nel consiglio regionale e ancora parlano....incredibile

Enzo Adinolfi
Enzo Adinolfi

E' l'espressione che ho io oggi, dopo il voto nelle 2 regioni italiane. Povera Emilia, Povera Calabria... Per la prima volta in vita mia NON gioisco della vittoria del Centro-sinistra. Elezioni NON vere, Elezioni false, dove una minoranza di votanti consente di dire ai "nuovi talebani del PD" che nulla è successo. Solo chiacchiericcio... E' ora di mandare tutti a casa. Basta con questa FARSA.. Meglio il voto libero e popolare!!!

Gradi Stefano
Gradi Stefano

Il M5S non ha capito che i tempi degli slogan a effetto...sono finiti,gli slogan potevano andar bene x la prima volta....poi però devono seguire i fatti! Cosa che non è successa,poi si lamentano se perdono voti....anzi,hanno pure il coraggio di dare la colpa a gli altri! Senza contare poi che in Emilia ci sono indagati anche dei loro.....

Luca Garibaldi
Luca Garibaldi

Il M5S deve cambiare strategia: deve iniziare a rubare mutande verdi e comprare vibratori con i soldi pubblici....

Francesco Passeri
Francesco Passeri

c'era il candidato della lega hanno votato solo loro sveglia

Luciano Salardi
Luciano Salardi

Ho sentito qualche commento dei politici e sono sempre più convinto che loro vivono a Fantasilandia. Soprattutto quelli del PD che non vogliono ammettere i motivi di questo disastro. Il che é semplice trovare il motivo, avete distrutto, vilipeso, avete solo tolto ai lavoratori senza dargli nulla in cambio. Il tutto senza che nessuno dalle opposizioni fiatasse. Ma, cioè, ci prendete a legnate e pretendete ate che non reagissimo? La maniera più civile che avevamo di protestare era quella di non votare, ma credo che se continuano su questa linea dopo si passerà a quelle più incivili. E se la saranno voluta e cercata. Ricordatevi che chi semina vento raccoglie sempre tempesta

George Ross
George Ross

Sono elezioni che con questa legge gli da diritto di essere presidente della regione , ma sarebbero da annullare perche' con quale diritto deve governare una regione il quale non raggiunge neanche il 50% degli avendo diritto al voto!!! E gridano grande vittoria con solo il 15% e gli altri 85% che diranno ??? .....Che di questi politici non ne vogliano sentir parlare !!!!

Davi David Bor
Davi David Bor

ah ah che dira renzi. renzi ha vinto con ieri sono 4 regioni a zero. son gli altri che dovranno preoccuparsi.

Marco Corvi
Marco Corvi

Quindi il PD che esulta ha preso circa il 15% dei voti degli aventi diritto!!! Quindi conferma di avere un largo consenso nel paese...........

Marcella Camarca
Marcella Camarca

È più importante ciò che diremo e penseremo noi! I vari partiti diranno che c'era da aspettarselo, che dovranno far meglio e tener conto del disagio e dei problemi degli elettori, cittadini che lavorano onestamente....quando è se c'è il lavoro....bla bla bla!! E poi niente. Come sempre.

Vincenzo Nardi
Vincenzo Nardi

La democrazia ... ahahah dopo tre presidenti del consiglio non eletti dal popolo.....parla di democrazia!!!!!

Pino Iaco
Pino Iaco

Renzuccio...datte na calmata...partita finisce quando arbitro fischia...in Emilia mi sembra si vada al secondo tempo....

Pino Iaco
Pino Iaco

E quale vuole il popolo? quelli "verdi" quelli "azzurri" o quelli "gialli" ? Non vedo tutta questa acclamazione

Salvatore Caputo
Salvatore Caputo

ma nn eravamo circondati??? e i pataccar del buffone che fine hanno fatto?

Enrico Ratti
Enrico Ratti

Basta con questi masnadieri rossi! È il popolo che lo vuole!

Fabrizio Sacchetti
Fabrizio Sacchetti

Cosa vuol dire cosa dirà renzi? E gli altri partiti cosa diranno?

Francesco Coraggio
Francesco Coraggio

Hai capito? Caro Civati gli elettori dono tanto scontenti che non vanno a votare; fai un tuo partito codi' voteranno per te. E non ci rompere oiu'.

Guido Zaccaro
Guido Zaccaro

Renzi della Leopolda il vincente è vicino a realizzare il suo "sogno"..libertà di licenziare per legge"...

Armando Cortese
Armando Cortese

si domandi il perche' e si dia una risposta...in fondo e' parte di questo sistema.

Olmo Neri
Olmo Neri

Vanno visti anche i risultati. Fino a domani...

Paola Candido
Paola Candido

civati chi??? quello dalla poltrona a tutti i costi !!

Trackbacks

  1. […] elezioni regionali Calabria: Domenica 23 Novembre, come in Emilia Romagna, anche la Calabria al voto per il rinnovo di Presidente della Giunta e del Consiglio […]

  2. […] La vittoria di Pd e astensionismo alle regionali di Emilia Romagna e Calabria è la notizia principale con cui aprono i giornali oggi. Per La Stampa pochi sono andati alle urne “perché sono state elezioni in solitudine”. Per il Corriere a fallire è stata la “disintermediazione” di Renzi: l’astensionismo di ieri rappresenta la reazione ritorsiva dei corpi intermedi. La Repubblica dà spazio alle parole del premier che commenta così i risultati: “Non è uno schiaffo”. Per Il Messaggero si tratta di un “verdetto della sfiducia dopo anni di scandali”. Il Giornale titola: “Renzi non tira più, fuga dalle urne”. Per il Secolo XIX “vince solo l’astensione”. […]

  3. […] I risultati delle elezioni regionali in Calabria e Emilia devono essere state un boccone indigesto per il deputato M5S Manlio Di Stefano che su Facebook sfoga tutta la sua rabbia. “Fuori da questa fogna di Parlamento“. Il parlamentare grillino chiede un cambio di strategia del Movimento. “Basta parole. Mettiamocelo in testa, o ci facciamo promotori di una vera rivoluzione o nessuno riuscirà più a distinguere tra noi e loro”. […]

  4. […] choc del giorno dopo è stato forte. Il dato sull’astensione ha messo in secondo piano i due vincitori, che pur ci sono. E sono entrambi d…: Stefano Bonaccini in Emilia Romagna e Mario Oliverio in Calabria. Certamente diversi tra loro per […]

  5. […] lo speciale elezioni regionali 2014 sulla tornata elettorale in Emilia Romagna e […]

  6. […] Così il segretario della Lega e astro nascente della nuova destra italiana. Intervistato da Repubblica Matteo Salvini commenta il voto delle elezioni regionali. […]

  7. […] primarie per la segreteria del Partito Democratico nell’ultimo congresso, parla delle ultime elezioni regionali intervistato da Quotidiano Nazionale. “Il giudizio naturalmente va dato sui numeri e le […]

  8. […] Le elezioni regionali in Emilia Romagna e Calabria sono state significative anche per un netto calo dell’utilizzo del voto disgiunto, lo possiamo vedere nel seguente schema che illustra la differenza tra il voto al solo presidente e alle liste nel 2010 e nel 2014 […]

  9. […] mese di novembre del talk show di Giovanni Floris, Di Martedì,  spiccano le analisi del voto in Emilia Romagna e Calabria ma l’argomento principale di discussione è il Jobs Act, essendo presente in studio il […]

  10. […] le sue contraddizioni. Dopo un anno in Parlamento cosa hanno portato a casa?”. Leggendo i risultati elettorali sembra proprio che l’appello di Salvini sia stato […]

  11. […] rilancia la sua idea abolire le Regioni, confermata a sua avviso dalla scarsa partecipazione al voto di domenica: “Bisogna scioglierle e accorparle in massimo dieci macroregioni che si occupino solo di […]

  12. […] di Grillo che decide di organizzare il Movimento 5 Stelle in modo più strutturato giunge dopo i risultati delle elezioni regionali di domenica e le espulsioni di ieri di Pinna ed […]

  13. […] ||| PREMI F5 PER AGGIORNARE LA PAGINA E SEGUIRE LA DIRETTA OPPURE CLICCA QUI||| […]