Scontro nel Pd, Roberto Speranza-Matteo Renzi: trova le differenze

E’ il più giovane della compagnia ed è colui che dovrebbe rappresentare la minoranza interna del Pd al prossimo congresso in programma del 2017: Roberto Speranza. Il suo curriculum parla chiaro ed è il più classico dei percorsi di chi ha fatto politica a sinistra dagli anni ’80 in poi. Classe 1979, la carriera politica di Roberto Speranza inizia nell’organizzazione giovanile del Partito (all’epoca prendeva il nome di Sinistra Giovanile). Ad appena 25 anni viene eletto consiglio comunale a Potenza per essere promosso qualche anno dopo, nel 2009, a segretario regionale del Pd in Basilicata. Il salto di qualità avviene nel 2013 con l’elezione alla Camera dei Deputati nel Pd all’epoca guidato da Pier Luigi Bersani di cui diventa il capogruppo alla Camera (ruolo da cui si dimetterà in polemica con Renzi che lo sostituirà con Ettore Rosato). I rischi per Roberto Speranza Roberto Speranza, pur qualche anno più giovane del premier, ha una provenienza politica diversa dalla matrice del premier più vicino al cattolicesimo-democratico ed ai suoi eredi della Margherita. Ma la sostanziale differenza con Renzi è l’assenza di esperienza da amministratore. Fatta eccezione per l’esperienza da consigliere comunale Roberto Speranza non è mai stato sindaco o presidente della... View Article